Purina Pro Plan è un marchio PURINA. Scopri chi siamo.

L’educazione del cane

L’educazione del cane

L’educazione del cane si basa sostanzialmente sullo schema azione-rafforzativo-premio e richiede pazienza e dedizione.

Il proprietario che educa il suo amico a quattro zampe deve sempre agire nel rispetto del benessere del cane e della sicurezza della situazione. Inoltre, poiché in un ambito famigliare il cane si adatta alle richieste di tutti i membri della famiglia e dà soddisfazione a tutti con il suo comportamento, non bisogna incorrere nel classico errore dell’incoerenza educativa: il cucciolo deve essere inserito nel sistema famiglia con coerenza e visione comune.

Educare un cane: l’insegnamento della disciplina

Educare un cane significa quindi perseguire i principi della ripetizione e della ricompensa, escludendo totalmente l’inibizione psicologica, ovvero sgridare il cucciolo, e tanto più la punizione corporale. Questi tipi di dissuasione sono considerati negativi, poiché si ritiene che vadano a minare l’importante equilibrio emotivo del cucciolo. Secondo questo orientamento, l’animale deve costruire un bagaglio di esperienze il più positive e gioiose possibile, imparando la disciplina come se fosse un gioco.

L’importanza del premio e del rafforzativo quando si educa il cane

Ogni volta che il cucciolo fa qualcosa di giusto, richiesto e desiderato dal suo proprietario, riceverà in premio un bocconcino extra, elargito solo dopo un rafforzativo: per esempio un complimento affettuoso seguito dalla parola “bravo!”. In pratica, quando il cane compie l’azione desiderata si fa seguire il rafforzativo (consistente nella carezza associata al “bravo”), e quindi lo si premia con un bocconcino.
Il comportamento sbagliato o l’errata esecuzione di un comando vengono ignorati e non premiati, ma non sono mai puniti: così, quando Il cucciolo compirà un’azione scorretta o non eseguirà un comando, si stupirà di non ricevere una ricompensa. Quindi rafforzerà l’intento di ottenere il premio tentando una via alternativa, che con l’esercizio porterà al compimento dell’azione desiderata. Si ricorda che quando il cucciolo riceve uno snack come premio è sempre opportuno controllare la tabella di razione giornaliera presente sulla confezione.

Educare un cucciolo di cane: l’efficacia della ripetizione

Attraverso il meccanismo di ripetizione si porterà il cucciolo a memorizzare i comandi richiesti. In questo modo il cucciolo sarà spronato a cercare delle soluzioni per ottenere il risultato sperato (ovvero il premio) e imparerà velocemente. È importante lasciare che il cucciolo rifletta sulla sua scelta e si prenda i tempi per decidere il meglio. Per educare un cucciolo occorre armarsi di pazienza e attendere il giusto risultato.

X
Purina TI RISPONDE