Purina Pro Plan è un marchio PURINA. Scopri chi siamo.

In viaggio con il cane: vademecum per andare all’estero

Cane in viaggio

Viaggiare con il cane è una bellissima esperienza, ma se desideri andare all'estero assieme al tuo amico a quattro zampe devi rispettare alcune regole fondamentali. Dai vaccini obbligatori al passaporto, ecco quello che devi sapere.

Le vacanze invernali sono una buona occasione per viaggiare insieme al tuo cane e concederti questa meravigliosa esperienza anche in un contesto diverso da quello estivo. Tuttavia, esattamente come d’estate, è importante viaggiare organizzati. Se la meta della vacanza e una località fuori dall’Italia è necessario essere preparati anche e soprattutto dal punto di vista burocratico e sanitario.

Il passaporto e il microchip

Può sembrare complicato e laborioso, ma in realtà portare con sé Fido all’interno dei Paesi dell’Unione Europea è una cosa semplice e assolutamente fattibile. A patto ovviamente che il cane ami viaggiare e che gli spostamenti siano pianificati a dovere in base alle sue esigenze e necessità. Innanzi tutto per uscire dai confini italiani è necessario dotare il fedele amico quattrozampe del passaporto per animali domestici, che viene rilasciato dai Servizi Veterinari delle ASL competenti per territorio. Questo documento di identificazione - che ha valenza annuale - conterrà i dati anagrafici del cane, i trattamenti medici obbligatori, l’indicazione delle vaccinazioni e il numero del microchip di riconoscimento registrato all’Anagrafe Regionale degli Animali d’Affezione.
Sempre nel passaporto sarà indicato il nome del proprietario dell’animale, che sarà anche la persona con la quale il cane potrà viaggiare nei Paesi UE, oltre ad altre persone esplicitamente indicate dal proprietario.

I vaccini per andare all’estero

Quando si passa il confine, oltre al Passaporto alcuni Paesi richiedono che il cane abbia fatto la vaccinazione antirabbica, da effettuarsi almeno 21 giorni prima della partenza. Può anche essere richiesto il trattamento preventivo contro l’echinococco (tenia), da effettuarsi da 1 a 5 giorni prima dell’ingresso nel Paese di destinazione. Tuttavia, le regole relative alla vaccinazione cambiano in base al Paese in cui si è diretti ed è opportuno documentarsi sul sito della Comunità Europea (https://ec.europa.eu/food/animals/pet-movement/eu-legislation/non-commercial-eu_en) prima di partire. In caso le vaccinazioni obbligatorie vengano eseguite successivamente al rilascio del passaporto, potranno essere registrate direttamente sul documento di identità dal medico veterinario autorizzato che le ha effettuate.

X
Purina TI RISPONDE